+39 393 9269527

info@podologistlab.it

Piede Cavo

Piede Cavo

Piede Cavo

Il Piede Cavo – Patologia del Piede

Il  piede  cavo  è  una  malformazione contraddistinta da  una  sproporzionata concavità dell’arcata  plantare,  conseguente  prominenza  dorsale e da  un  atteggiamento  a  griffe  delle  dita. Si viene a creare così  una  torsione  del  piede  astragalico  sul  piede  calcaneare  e  conseguente  varismo  del  retropiede. E’ una  malattia molto  comune, addirittura più del  piede piatto;  ed è più diffusa fra le donne  nelle  quali  può  manifestarsi  anche  precocemente.

Con riferimento alla sintomatologia, e in particolare al dolore, c’è da notare come i fastidi derivanti da questa patologia siano meno evidenti rispetto a coloro che hanno una volta plantare piatta. E’ più facile infatti imbattersi in un paziente che manifesta dolori a causa del piede piatto rispetto a coloro con il piede cavo. Ciò fa sì che, nel complesso, questa patologia sia meno trattata rispetto al piede piatto.
Inoltre, la distrofia muscolare di Charcot-Marie-Tooth è stata associata alla volta plantare eccessivamente pronunciata e ciò può essere causa di problemi di squilibrio muscolare che rendono il piede cavo più difficile da diagnosticare e da curare. Ma diamo un’occhiata più approfondita all’iter e alle opzioni di trattamento.
I pazienti con piede cavo spesso denotano dolore sulla colonna laterale del piede, instabilità laterale della caviglia e dolore sotto la pianta del piede, soprattutto sotto il primo osso metatarsale. Inoltre, si può presentare anche un problema di fascite plantare dovuto all’estensione dell’arcata plantare durante il ciclo della deambulazione che genera così stiramento della fascia. I pazienti di solito avvertono una sensazione quasi come se cadessero sulla parte esterna della caviglia, mostrando segni di gonfiore (e di dolore) sulla parte laterale del piede e della caviglia stessa. I casi più gravi di piede cavo possono addirittura portare alla frattura della colonna laterale del piede.
La diagnosi di piede cavo si esegue mediante un attento esame della storia medica del paziente, unicamente a una visita accurata e agli esami diagnostici. Una storia familiare con presenza della patologia o con sintomi di distrofia muscolare sono degli elementi importanti da prendere in considerazione. Anche il tipo di dolore e i fattori scatenanti rivestono un’importanza fondamentale. A questo proposito, per esempio, vi sono soggetti che presentano dolore quando camminano e altri che invece avvertono dolore quando corrono.
E’ importante anche un esame dei gruppi muscolari e della forza muscolare. Inoltre, il dolore lungo i tendini peronei può essere un segno di una lacerazione del tendine peroneo stesso. Ciò può condurre alla formazione del piede cavo nello stesso modo con cui una disfunzione del tendine tibiale posteriore può portare al piede piatto.
L’instabilità della caviglia laterale può anch’essa portare alla formazione del piede cavo in quanto l’astragalo devia in posizione vara a causa della lassità dei legamenti laterali della caviglia.
Piede Cavo

Piede Cavo

Trattamento del Piede Cavo

La terapia conservativa ha altissime probabilità di successo e a questo scopo si può utilizzare un apposito plantare altamente personalizzato realizzato dopo un’attenta valutazione dell’appoggio.
Nei casi gravi, però, è necessario ricorrere all’intervento chirurgico. L’elemento discriminante a tal proposito è la causa che ha provocato il piede cavo: si dovrà prendere in considerazione, ad esempio, se si tratti di una malformazione congenita oppure se è frutto di un trauma, come ad esempio la lacerazione del tendine peroneo o l’instabilità della caviglia.