+39 393 9269527

info@podologistlab.it

Onicocriptosi

Onicocriptosi

Onicocriptosi

Cosa è Onicriptosi e le cause?

L’unghia incarnita (nota anche come onicocriptosi, ipertrofia del bordo o del vallo ungueale o ungualabia ipertrofica) è una delle onicopatie più diffuse. La patologia in questione è determinata dalla penetrazione dei bordi ungueali nei tessuti molli circostanti. Generalmente tale affezione è a carico dell’alluce.

Secondo alcuni autori, la locuzione “unghia incarnita” risulterebbe fuorviante; essa infatti lascia intendere che i margini ungueali abbiano un crescita laterale, ma non vi sono dati che confermino che nelle persone affette dalla patologia vi siano casi di maggiore larghezza della matrice. Sempre secondo gli stessi autori, l’alta percentuale di recidive dopo interventi chirurgici sarebbe dovuta all’erronea convinzione che l’onicocriptosi sia una malattia della lamina ungueale quando, in realtà, si dovrebbe intervenire sulle meccaniche patogenetiche che causano l’ipertrofia del vallo ungueale.
Secondo la definizione di Frost, esistono tre tipologie di unghia incarnita:
  • placca ungueale normale tagliata in modo scorretto con conseguente formazione di una spina ungueale nel bordo
  • placca ungueale che presenta una deformità verso l’interno di uno o di entrambi i bordi laterali della placca
  • placca ungueale normale con ipertrofia dei tessuti molli circostanti causata da microtraumi.

Fattori eziologici

I principali fattori eziologici dell’onicocriptosi sono sostanzialmente tre:
  • microtraumi (compressione provocata calzature non idonee, calze eccessivamente strette, deformità, appoggio non corretto)
  • taglio non corretto delle unghie
  • iperidrosi.
Onicocriptosi

Onicocriptosi

L’onicocriptosi si manifesta quando si verifica un’eccessiva stimolazione meccanica esercitata sui tessuti periungueali che si ipertrofizzano e si infiammano fino a provocare una rottura epidermica. L’eccesso di sudorazione peggiora il quadro clinico causando la macerazione dei solchi ungueali. L’unghia incarnita è senz’altro da considerarsi una patologia minore, ma può essere causa di severe complicanze. Un’onicriptosi gestita non correttamente può comportare serie infezioni, osteomielite, e cancrena; ovviamente questi casi sono estremamente rari. Particolare attenzione deve essere riservata ai soggetti affetti da diabete o che hanno problemi di immunodeficienza.

Dal punto di vista anatomico e biomeccanico esistono alcuni fattori che concorrono all’insorgere della patologia, tra questi i più importanti sono l’alluce valgo, la pronazione dell’avampiede e il cosiddetto piede quadrato (il piede quadrato è un piede che ha i primi tre diti di lunghezza pressoché identica).
L’alluce valgo, altra patologia dell’avampiede abbastanza frequente, comporta delle lesioni a carico dei tessuti periungueali laterali causata dalla compressione dell’alluce sul secondo dito.
Una pronazione anormale causa dei problemi ai tessuti molli periungueali a causa dell’eccessiva pressione subita da questi ultimi. Nel piede quadrato i problemi sono causati dalla conflittualità talvolta esistente fra l’alluce e il secondo dito. Molto spesso l’onicocriptosi è causata dal taglio improprio dell’unghia, lo sperone ungueale che ne deriva genera un processo di tipo infiammatorio e lesione di continuo.